Seleziona una pagina

Il Fisco 4.0 e la filiera dell’open innovation

Il prossimo mercoledì 18 Ottobre alle 15:30 sarò a Milano per un convegno consigliato alle Startup, Scale-up e alle imprese innovative o a quelle imprese che vogliono comunque innovarsi, e sono interessate a informarsi sulle grandi potenzialità offerte dagli strumenti...

MAPPA PROTOCOLLI #PCT TRIBUNALI ITALIANI a cura della FIIF

Schermata 2014-12-01 alle 6.46.27 PMQuesto post ha la mera funzione di rilanciare un servizio encomiabile realizzato grazie alla Fondazione per l’Innovazione Forense (FIIF): una vera “mappa” dei protocolli del Processo Civile Telematico fioriti nei vari tribunali d’Italia. Sono certo che i civilisti apprezzeranno. Ben pensato e ben realizzato. Bravi davvero!!

Processo Telematico 2.0: proposta per un cambio di paradigma.

The Road to SuccessIl processo (anzi i processi) stanno diventando digitali. Bene!
Con 20anni di sperimentazione stratificata il sistema è però complesso, ridondante, e poco usabile; dispendioso per lo Stato e per gli Avvocati. In sintesi: complicato. La chiave del successo di un sistema simile sarebbe, invece, la semplicità, che evita problemi inutili che nel nostro caso rischiano di trasformarsi in una soverchiante mole di contenzioso da processo telematico.

Come liberarsi del fastidiosissimo #linkbucks su iOS

NO_linkbucksAnche voi come me siete stati afflitti dal fastidiosissimo fenomeno (su iPhone o iPad, e più di recente anche sul mac) per cui quando cliccate sui links compressi (talvolta anche sui link estesi  pubblicati su FB o Twitter, o attraverso Feedly) vi appare una pagina con una pubblicità (talvolta vuota)? Io lo detesto. Qui descrivo il metodo che ho utilizzato per liberarmene.

Processo Tributario Telematico: Il decreto in Gazzetta Ufficiale

The future net exitPubblicato in GUCE il 14 febbraio 2014 il Decreto sul Processo Tributario Telematico.
Sorvolando sul fatto che per l’adozione dei decreti attuativi passerà se tutto va bene un anno prima di poter vedere la sperimentazione, purtroppo non posso che confermare quanto ho già scritto con riferimento a quello civile: si è persa l’occasione per un cambio epocale, strutturale del processo, e ci si è incartati provando a dare un vestito digitale alle stesse operazioni che prima lo avevano cartaceo, rendendo il sistema inutilmente complesso e arzigogolato, e perdendo una occasione per sfruttare le potenzialità offerte dalla digitalizzazione per snellire la procedura.

Dilettanti allo sbaraglio: perché la #googletax o #webtax contrasta con il diritto UE.

Non avevo voglia di scrivere sul blog un post sulla Google Tax o Web Tax. Non ne avevo voglia perché il tema non è uno che mi è facile trattare con la leggerezza che di solito dedico a questo blog. Ci ho scritto una tesi di dottorato sull’intersezione tra la sovranità fiscale degli Stati con le libertà economiche comunitarie e con il diritto della concorrenza. Mi verrebbe dunque da citare giurisprudenza, scrivere tanto, troppo per un blog.

Avevo quindi deciso di lasciar perdere, e magari scrivere un articolo per qualche rivista scientifica.

Stamattina, però, ho letto l’intervista dell’On. Boccia su Huffington Post e non sono riuscito a trattenermi. Ma perdindirindina, quale arcano movente spinge certi soggetti a parlare reiteratamente e a vanvera di cose che gli sono piuttosto palesemente aliene? Errare é umano, ma perseverare é diabolico… e danneggia tutti!!

Il bizantinismo del processo civile telematico vs. la semplicità di e-curia alla Corte di Giustizia UE

The future net exitNel luglio scorso ho frequentato il corso per la certificazione “avvocato telematico” dell’Ordine di Roma e non ho potuto fare a meno di paragonare i bizantinismi del processo civile telematico Italiano – in sperimentazione da credo 12 anni – con la essenzialità, usabilità, efficacia del sistema utilizzato i dalla Corte di Giustizia UE (e-curia), sperimentato e adottato in meno di tre anni.
Peccato, come spesso in Italia, il futuro è rimandato alla prossima uscita.

Finalmente il taxi lo chiama direttamente il mio iPhone

fotoL’arrivo sul mercato di Uber e simili app ha spinto le cooperative di tassisti e i loro fornitori a correre ai ripari, attivando in poco tempo una serie di utilissime applicazioni iPhone (credo disponibili anche per le altre piattaforme), che consentono ai possessori di smartphone di chiamare un taxi in modo semplice e funzionale, senza dover perdere tempo in attesa (di prendere la linea o che ti trovino un taxi) al centralino radiotaxi.
Le due che ho scaricato io sono it Taxi e App Taxi.

Esame di Avvocato 2.0: quello che non troverete nella riforma forense

L’ultimo atto della XVI legislatura è stata l’approvazione della riforma forense. Non mi piace per molti motivi. Uno di ordine generale è che, a mio avviso, non guarda avanti ma indietro. Uno di più specifico interesse “ratione materie” per questo blog, è che nel riformare l’esame di Stato si è persa un’enorme occasione di sfruttare le opportunità offerte dalla tecnologia.

Qui ho voluto pubblicare una provocatoria proposta di ESAME DI AVVOCATO 2.0 (in realtà appunti sparsi raccolti durante mezzora di fila per un deposito). Che ne pensate? Voi come lo avreste cambiato?

iTrack changes: il formato revisioni di word finalmente arriva su iPad.

La apple, con l’ultimo update di Pages per iPad e iPhone introduce il supporto per il c.d. “formato revisioni”, anche nella importazione da/per Microsoft word. Aggiunta che farà certo felici i colleghi che lavorano a più mani alla revisione di contratti, a documenti transattivi o anche semplicemente a chi debba, mentre si trova in viaggio con solo l’iPad a portata di mano, correggere un ricorso inviatogli da un suo collaboratore o praticante tenendo traccia delle correzioni.

Dropbox diventa “formalmente” legale anche nell’UE.. ma la scelta migliore per l’avvocato è SpiderOak

Aderendo al Safe Harbour, DropBox risolve il profilo di illegalità formale che ha afflitto l’uso del notissimo servizio nella professione sino ad oggi, ovvero quello legato alla trasmissione dei dati dei clienti al di fuori dei confini UE.
Permangono, tuttavia, le perplessità legate all’obbligo deontologico di riservatezza cui è tenuto l’avvocato, e dunque all’esigenza concreta di tutela dei dati dati dei clienti.
In alternativa, sembra preferibile SpiderOak: un servizio comparabile a dropbox per semplicità d’uso, anche sui dispositivi mobili, ma “blindato” sotto il profilo della tutela dei dati.

Messaggistica 2.0 per lo studio legale in Mountain Lion Preview

Apple annuncia per l’estate 2012 il nuovo sistema operativo OSX Mountain Lion e contemporaneamente rende disponibile al download la versione beta dell’applicazione iMessage per Mac OSX, che sostituirà integralmente ichat e si integrerà con quelle già disponibili per iPhone, iPad e iPod Touch.
La nuova applicazione può essere utile per il professionista: se siete come me, molti dei vostri contatti professionali usano iPhone. Di conseguenza avere iMessage anche sul desktop significa che per rispondere a un sms non devo neppure guardare il telefono (sul quale magari sono impegnato in un’altra conversazione) ma posso risparmiare tempo e rispondere direttamente dalla tastiera del mac.

FAREWELL, STEVE!!!

Un collega, neo-convertito ad’iPhone e iPad, ed in procinto di passare a Mac anche come computer di lavoro oggi mi ha detto, “mi sento come se mi avessero detto che è morto Leonardo Da Vinci“.

Trovo il paragone calzante.

Steve Jobs il futuro non l’ha solo immaginato, lo ha anche plasmato per noi.

L’avvocato nella nuvola: Dropbox, Il cloud storage e la tutela della privacy.

La nuvola o cloud computing (ovvero il trasferimento – in outsourcing – dei propri dati o persino degli stessi software necessari all’esercizio della professione, da server proprietari in studio a server farm di terze parti), come già hanno capito i colleghi d’oltreoceano, è una grande opportunità per gli studi legali (costi abbattuti, flessibilità, velocità, efficienza, scalabilità, condivisione, etc). Una grande opportunità che porta con sè alcuni interrogativi peculiari della fase pioneristica che stiamo vivendo. Questo post nasce dall’interrogativo che i due autori si sono posti, quasi contemporaneamente, di capire quanto di ciò che è oggi materialmente possibile fare sia anche pienamente legittimo.

iPaddicted

È da circa un mese che ho l’iPad e l’impatto che ha avuto sulla mia routine di lavoro, il modo in cui incide sulla mia vita professionale è positivo. Molto positivo. Ho lasciato più spesso a casa il mio macbook e devo dire che per ora non ne sentito la mancanza nelle trasferte. Mi sto divertendo a testare le potenzialità del mio nuovo strumento di lavoro in relazione alle funzioni delle quali posso avere bisogno nella mia attività professionale.

I risultati sono, nel complesso, al di sopra delle mie aspettative. Di seguito alcuni pro e contro.

Mi sa tanto sono il primo caso italiano di iPad in assistenza.. meno male che quella di Apple è una garanzia di qualità!!

Avevo deciso che il prossimo weekend, dopo due settimane piene d’uso, avrei scritto il primo post di iAvvocato esclusivamente dedicato a raccontare i modi in cui già avevo inserito l’iPad nella mia routine di lavoro, e invece mi tocca raccontare di come – quasi in conclusione della lettura mattutina di repubblica, e poco prima di usare l’iPad per la sua funzione di lettore dei fascicoli digitalizzati – mi sia andato in tilt lo schermo.
E mi sa tanto che sono anche il primo caso in Italia. Che fortuna.
Aggiornamento: Tutto sommato solo due giorni d’astinenza. Assistenza Apple grandiosa come sempre. Dopo due giorni ho già tra le mani un nuovo iPad sostitutivo 🙂

Come digitare caratteri e simboli che non appaiono nella tastiera virtuale dell’iPhone.

Un articolo molto utile per i neo-possessori di iPhone, tratto da iPhone JD, (interessante blog per avvocati possessori di iPhone tenuto dal Collega Americano Jeff Richardson): l’articolo risponde (in modo chiaro e con dovizia di immagini) ad una domanda che mi è stata fatta diverse volte da amici e colleghi che avevano appena acquistato il proprio iPhone: <>. Ho pensato fosse più veloce tradurlo e usare anche le immagini, piuttosto che riscriverne uno da capo.

NormAttiva: ignorantia legis non excusat (adesso è un po’ più vero)

E’ Finalmente online il portale governativo NormAttiva. Le caratteristiche del progetto, come descritte nella pagina informativa del portale e sotto riportate, lo rendono uno strumento utile per gli utenti comuni, utilissimo per gli avvocati e gli operatori del diritto in genere (comprese le pubbliche amministrazioni), cui consente di risparmiare somme anche significative di solito impiegate nell’acquisto di banche dati, costose edizioni stampate di codici e copie della gazzetta ufficiale.

10 applicazioni must-have per il vostro nuovo iPhone

10 Applicazioni iPhoneIeri il mio amico Thomas Tassani, professore aggregato di diritto tributario presso la Facoltà di Economia di Urbino, blogger e collaboratore di lavoce.info, mi ha scritto un Messaggio Facebook per comunicarmi di essere diventato anche lui un addicted to iphone come il sottoscritto, e per chiedermi di segnalargli alcune applicazioni da scaricare su un nuovo iphone.

Ovviamente ho già risposto via FB a Thomas, ma dato che la stessa domanda mi era già stata fatta più o meno negli stessi termini da almeno una decina di colleghi, ho deciso che era il momento di prendere il toro per le corna e scrivere un post al quale poter indirizzare le future richieste.

Notifiche via posta: widgets & apps

RaccomandataQuesto post è dedicato sia ai colleghi che fanno un uso intensivo delle notifiche via posta, sia a quelli (come me) che, facendo parte di studi di maggiori dimensioni non si occupano (se non di tanto in tanto) degli adempimenti burocratici legati alle notifiche (funzione demandata alla segreteria), ma si trovano più spesso a dover interpretare, sui vari atti, i timbri scoloriti, cercando di decifrarli alla ricerca di una data certa dalla quale poter calcolare con esattezza i termini per le repliche o impugnazioni del caso.

L’ultima volta mi trovavo in sala riunioni con un cliente cui un avviso di accertamento piuttosto significativo era arrivato <<qualche tempo fa, avvocato, un po’ più di un mesetto..>>: la data di notifica era (ovviamente) illeggibile.

Che fare se vuoi verificare seduta stante (e senza interrompere la riunione) quanto sono ristretti i tempi per l’impugnazione?